Librerie che arredano

Una libreria, oltre a svolgere il compito per cui è nata, dovrebbe anche essere un elemento di arredo che possa inserirsi piacevolmente in un ambiente; le librerie della azienda TemaHome, riescono molto bene in questo intento: i loro prodotti hanno un design semplice ma un sapiente gioco di proporzioni che le rende sia pratiche che molto piacevoli da vedere. Questo consente loro di fare un’ottima figura in studio oppure in soggiorno così come in ufficio o in una sala riunioni.
Le librerie della TemaHome sono disponibili in varie ‘modularità’ in modo da poter soddisfare ogni esigenza di spazio e di collocazione.

temahome

“Una sedia tutta d’oro”

Sedia Masters

O meglio, una sedia in polipropilene con finitura “oro metallizzato”: si tratta della celeberrima sedia Masters della ditta Kartell, progettata da Philippe Starck. Una sedia comoda e pratica, con la possibilità di essere usata anche in ambiente esterno ed impilabile, proposta con una serie di particolarissime finiture metallizzate – Oro, Rame, Cromo e Titanio – che la renderanno ancora più sorprendente e sicuramente protagonista del vostro arredamento. Il prezzo? Naturalmente è un po’ più alto degli altri modelli con finiture opache, ma si tratta pur sempre di “una sedia tutta d’oro”!

Un tavolo ‘snello’

Se avete una cucina o una sala da pranzo improntata alla semplicità ed alla leggerezza delle forme, dai colori chiari e luminosi, il tavolo da pranzo Dine della Connubia-Calligaris potrebbe fare al caso vostro.

Le sue linee, semplici e leggere, lo rendono un complemento ideale per tutti quegli ambienti improntati ad un gusto minimalistico con qualche influenza ‘vintage’. Le forme molto stondate degli angoli del piano e il disegno appena obliquo delle gambe, richiamano infatti quello stile che era proprio di tavoli e sedie durante gli anni ’50/’60 seppur con materiali e finiture moderne.

tavolo-dine

Un nuovo ‘Connubio’

dine

È da poco nato un nuovo marchio: Connubia, il nuovo ‘nome’ che si affianca a quello della Calligaris, storica azienda leader nel settore della produzione di complementi di arredamento, che ha deciso di presentare il suo nuovo marchio con il quale commercializzare i suoi notissimi prodotti, famosi per qualità, design ed accuratezza nella realizzazione.

Scopri le novità Connubia Calligaris

 

Un sacco comodo.

Di cosa stiamo parlando? Di un pouf, naturalmente.
Inizialmente apparso come complemento appoggiapiedi per poltrone, oppure come semplice seduta, i pouf erano perlopiù in forma di parallelepipedo o cilindro, sorretti con zampe o piedini, che riprendevano le finiture ed i colori delle poltrone a cui si accompagnavano.

Solo molti anni dopo la loro comparsa, l’attenzione di famosi designer ha rivoluzionato questo complemento, trasformandolo in qualcosa di radicalmente diverso: il pouf a sacco.pouf

Una forma semplicissima, dall’aspetto forse un po’ bizzarro ma comodo e versatile: il pouf a sacco infatti si ‘modella’ a seconda di come ci sediamo, permettendoci di assumere svariate posizioni, da quella seduta a quella semisdraiata, adeguandosi alla nostra forma. Inoltre è leggero e resistente e può ambientarsi benissimo in un salotto, una camera da letto, una cameretta o in uno studio.

 

 

Gli sgabelli per la casa

sgabello

Gli sgabelli sono una delle prime suppellettili costruite dall’uomo per le sue prime case: realizzati semplicemente e con solo tre zampe, che tuttavia permettevano allo sgabello di rimanere stabile anche su pavimenti sconnessi e disuguali, hanno continuato il loro servizio fino ai giorni nostri, trasformandosi via via  in oggetti sempre più specializzati, come ad esempio lo sgabello da pianoforte, da dentista, da pittore etc.

In tempi recenti, con il cambiare delle case e del modo in cui vengono concepiti i vari ambienti, lo sgabello è entrato ‘in casa’ come utile complemento per tutte quelle tipologie di cucine a penisola o configurate in modo da avere lo ‘spazio snack’, dove una seduta più informale come lo sgabello si presta in modo eccellente. Grazie a ciò, lo sgabello è diventato vero e proprio oggetto di design e con un gran numero di varianti: sgabelli fissi, girevoli, alzabili e con altezza regolabile, con seduta semplice oppure con schienali più o meno pronunciati e nei materiali e nelle finiture più diversi.

Comodità, bellezza e qualità: i divani letto Net and Feel

foto-articolo-divani-letto

Il divano letto, il giusto prodotto che riuscirà ad armonizzare perfettamente bellezza e praticità. I tempi cambiano ed anche l’arredamento dei nostri ambienti si modifica a seconda del periodo storico nel quale va a trovarsi. Ritmi e stili di vita sempre più frenetici, hanno reso indispensabile in ogni casa quell’importate tocco di dinamicità che le rende capace di adattarsi ad ogni singolo imprevisto, risolvendolo. Net and Feel offre una vasta gamma di divani letto e divani trasformabili, per rendere la vostra casa adatta ad ogni tipo di situazione. La praticità del meccanismo di apertura inoltre vi permetterà di passare da un comodo divano ad un confortevole letto in pochi secondi, in unico e semplice movimento. Un’opportunità unica per poter rendere i vostri ambienti belli e pratici, senza rinunciare alla garanzia e alla qualità del Made in Italy. Un doppio prodotto che però non ne sacrifica uno per esaltarne un altro: un divano comodo, bello e di qualità che in pochi attimi si trasforma in un letto di altrettanta comodità, bellezza e qualità. La varietà di materiali, di dimensioni e di stili vi permetteranno di trovare il divano letto che si adatta ai vostri gusti ed alle vostre esigenze, in maniera perfetta. Eleganti, raffinati o più sportivi… basta entrare nel mondo Net and Feel e lasciarsi sorprendere.

L’autunno con Net and Feel

E’ arrivato l’autunno, la stagione del ritorno… abbandoniamo la frenesia dell’estate e rientriamo nelle nostre case che però hanno bisogno di piccole accortezze e modifiche per intonarsi perfettamente alla nuova stagione. Colori, forme, luci… tutto va riadattato a ciò che possiamo ammirare fuori dalla finestra ed è per questo che Net and Feel propone tantissime idee ed occasioni per poter portare una ventata di novità  all’ arredamento dei tuoi ambienti:  ”L’autunno è di casa, riscopri la voglia di arredare”.  Dal più piccolo complemento d’arredo, agli accessori,  fino ad arrivare a librerie e tavoli: basta un tocco per dare la giusta armonia alla vostra casa e renderla più accogliente e calda.

Foto articolo autunno

 

Soffermatevi sui colori, evitando quelli freddi e sgargianti… d’autunno tutto è più tenue. Evitate un arredamento minimal e date maggior  importanza agli accessori: sono il primo dettaglio per rendere un ambiente accogliente. Non accontentarti di una casa fuori stagione… entra nel mondo Net and Feel e cerca i prodotti che meglio sapranno portare l’atmosfera ed il sapore dell’autunno nei vostri ambienti. Prendi spunto dai  meravigliosi colori che questa stagione offre e ”riscopri la voglia di arredare” insieme a noi, proprio come le strade con le foglie cadute .  D’autunno tutto è più bello ed è per questo che Net and Feel ti propone tantissime soluzioni e prodotti per poter rendere la tua casa all’altezza  della stagione che andrà ad accogliere. L’autunno sta bussando… accoglilo con Net and Feel, sarai contagiato dalla sua bellezza.

La fibra vegetale

 

FIBRA NATURALE

Sempre più richieste ed utilizzate nel tessile per la casa, le fibre tessili vegetali si trovano oggi in tanti prodotti di tendenza: tappeti, tende, tessuti delle migliori firme, per rileggere in chiave ecologica la biancheria per la casa. In risposta al problematico boom delle fibre sintetiche queste fibre naturali, insieme a quelle provenienti dal mondo animale (lana, seta), vengono oggi rivalorizzate e rilanciate nel mercato, in un clima di ecosostenibilità e di riscoperta della naturalità. Ricavate da varie specie vegetali queste fibre sono composte essenzialmente di cellulosa che, insieme alla lignina, donano al materiale un’estrema elasticità, tenacità, resistenza e rigidità. Igroscopiche, traspiranti, ben lavabili anche ad alte temperature e facilmente tingibili, le fibre vegetali nel tessile rispondono perfettamente alle esigenze del prodotto, grazie alle loro qualità naturali intrinseche. Seguendo processi di estrazione e lavorazione diversi, a seconda della parte di pianta da cui sono ricavate, queste fibre possono essere così classificate:

– Dal seme
Cotone – sicuramente la più importante fonte di fibre vegetali oggigiorno, ma anche quella maggiormente utilizzata in diversi settori del tessile, date le sue eccellenti proprietà di morbidezza, isolamento, resistenza alla rottura e facilità di colorazione.
Kapok – ricavato dal frutto dell’omonimo albero, è generalmente usato come riempimento per cuscini, materassi e imbottiture, poichè le limitate dimensioni delle sue fibre ne impediscono la filatura.

– Dallo stelo
Lino – una specie erbacea piantata come il cotone da tempi antichissimi, è dopo di questo la più diffusa ed utilizzata commercialmente in tutto il mondo. Già ben conosciute dai tempi dell’Antico Egitto le sue fibre, lunghe mediamente 50 cm, furono coltivate dai Popoli Mesopotamici, dai Greci e dagli Antichi Romani, fino ai giorni nostri.
Canapa – ottima per la sua alta resistenza all’umidità ed alle variazioni climatiche, già dal V secolo a.C. veniva utilizzata per fare il 90% delle corde e delle vele da navigazione. Oggi questo prodotto viene sempre meno richiesto, data la concorrenza di altre fibre più a buon mercato.
Ginestra e ramié – d’impiego poco diffuso dati gli elevati costi di produzione.
Bambù – una fibra ecologica morbida, traspirante, assorbente, antibatterica e anti UV, non contiene alcun additivo chimico e può essere filata sola o mescolata con cotone, seta, modal o altre fibre artificiali di cellulosa rigenerata.
Juta – estratta dalla corteccia del “corchorus capsularis”, è una fibra naturale estremamente forte, ruvida, antistatica ed isolante. Meno elastica delle altre, risulta ottima per sacchi ed imballaggi, ma è anche usata per sotto-tappeti e come fondo per la posa del linoleum.
Banana – ampliamente diffusa nell’area tropicale, è perlopiù utilizzata dalle comunità indigene, che utilizzano le fibre di scarto dalla raccolta dei frutti, per la creazione di cappelli, cestini e altri accessori. Ed ancora la paglia, l’ananas, il papiro, la rafia… poco commercializzati.

-Dalla foglia
Sisal – estratto dalle grandi foglie dell’Agave Sisalana, viene comunemente usato per fare sacchi, spaghi, corde e tappeti.
Sparto – un’erba filiforme, dura e resistente, diffusa nel Mediterraneo, con fibre lunghe da 1 a 10 mm, che comincia ad essere utilizzabile verso i 13 anni di coltivazione.

-Dal frutto
Cocco – pianta tropicale tra le più longeve, produce dei filamenti ruvidi e resistenti, che avvolgono e proteggono le noci e vengono usati soprattutto per la fabbricazione di corde e tappeti.

 

I complementi d’arredo

Il carattere dell’ambiente in cui viviamo è fortemente determinato dalla scelta dei vari complementi d’arredo che lo arricchiscono e lo decorano. Tanti oggetti, dalle funzioni e dall’estetica più disparate che insieme fanno del vostro appartamento un ambiente vivo, animato e di carattere, che parla di voi.

complementi-1

Complementi e accessori che a volte ben si accostano al mobilio della vostra casa,  confondendosi per nuances e linee nell’ambiente circostante, mentre altre volte si pongono volutamente in netto contrasto, per emergere tra gli altri elementi d’arredo e non essere messi in secondo piano. Tanti articoli studiati nei minimi dettagli, da disporre nei vari ambienti della casa per contenere, servire, esporre o semplicemente decorare, secondo il proprio gusto. Tra tavolini da fumo, contenitori, mensole, specchi, appendiabiti, carrelli… una moltitudine di articoli desiderabili per completare i vostri spazi.