Comodità, bellezza e qualità: i divani letto Net and Feel

foto-articolo-divani-letto

Il divano letto, il giusto prodotto che riuscirà ad armonizzare perfettamente bellezza e praticità. I tempi cambiano ed anche l’arredamento dei nostri ambienti si modifica a seconda del periodo storico nel quale va a trovarsi. Ritmi e stili di vita sempre più frenetici, hanno reso indispensabile in ogni casa quell’importate tocco di dinamicità che le rende capace di adattarsi ad ogni singolo imprevisto, risolvendolo. Net and Feel offre una vasta gamma di divani letto e divani trasformabili, per rendere la vostra casa adatta ad ogni tipo di situazione. La praticità del meccanismo di apertura inoltre vi permetterà di passare da un comodo divano ad un confortevole letto in pochi secondi, in unico e semplice movimento. Un’opportunità unica per poter rendere i vostri ambienti belli e pratici, senza rinunciare alla garanzia e alla qualità del Made in Italy. Un doppio prodotto che però non ne sacrifica uno per esaltarne un altro: un divano comodo, bello e di qualità che in pochi attimi si trasforma in un letto di altrettanta comodità, bellezza e qualità. La varietà di materiali, di dimensioni e di stili vi permetteranno di trovare il divano letto che si adatta ai vostri gusti ed alle vostre esigenze, in maniera perfetta. Eleganti, raffinati o più sportivi… basta entrare nel mondo Net and Feel e lasciarsi sorprendere.

L’autunno con Net and Feel

E’ arrivato l’autunno, la stagione del ritorno… abbandoniamo la frenesia dell’estate e rientriamo nelle nostre case che però hanno bisogno di piccole accortezze e modifiche per intonarsi perfettamente alla nuova stagione. Colori, forme, luci… tutto va riadattato a ciò che possiamo ammirare fuori dalla finestra ed è per questo che Net and Feel propone tantissime idee ed occasioni per poter portare una ventata di novità  all’ arredamento dei tuoi ambienti:  ”L’autunno è di casa, riscopri la voglia di arredare”.  Dal più piccolo complemento d’arredo, agli accessori,  fino ad arrivare a librerie e tavoli: basta un tocco per dare la giusta armonia alla vostra casa e renderla più accogliente e calda.

Foto articolo autunno

 

Soffermatevi sui colori, evitando quelli freddi e sgargianti… d’autunno tutto è più tenue. Evitate un arredamento minimal e date maggior  importanza agli accessori: sono il primo dettaglio per rendere un ambiente accogliente. Non accontentarti di una casa fuori stagione… entra nel mondo Net and Feel e cerca i prodotti che meglio sapranno portare l’atmosfera ed il sapore dell’autunno nei vostri ambienti. Prendi spunto dai  meravigliosi colori che questa stagione offre e ”riscopri la voglia di arredare” insieme a noi, proprio come le strade con le foglie cadute .  D’autunno tutto è più bello ed è per questo che Net and Feel ti propone tantissime soluzioni e prodotti per poter rendere la tua casa all’altezza  della stagione che andrà ad accogliere. L’autunno sta bussando… accoglilo con Net and Feel, sarai contagiato dalla sua bellezza.

Un Tizio sul tavolo

Un corpo illuminante celebre nel mondo per la sua struttura esile, essenziale, ma estremamente resistente, raffinata ed elegante. Il design inconfondibile della lampada da tavolo Tizio di Artemide è sempre molto richiesto per l’illuminazione di scrivanie d’ufficio, tavoli da lavoro, in studi professionali o attività commerciali, per la sua eleganza e modernità.

tizio-verissimo

Una piccola grande meraviglia, firmata Richard Sapper, proposta in tre colori: nero, bianco o grigio alluminio. La lampada da tavolo Tizio della ditta Artemide è disponibile in tre dimensioni con struttura in policarbonato verniciato o alluminio verniciato. La sofisticata concezione costruttiva con testa e braccio orientabili e bilanciati da contrappesi, vede la presenza di un trasformatore alla base della lampada che alimenta la lampadina alogena per produrre luce diretta orientabile a due intensità. Un design unico ed inimitabile, che arricchirà di stile il vostro ambiente.

La bellezza del vino

vino2

Il vino è bellezza ed arte, e come tutte le opere d’arte va conservato in un luogo appropriato che ne possa esaltare le qualità. La cantina personale è il nuovo sogno del buon bevitore, che tra degustazioni, recensioni ed esperienze inizia o consolida la passione per il vino. L’ambiente ottimale sarebbe una stanza orientata a nord-est, nella quale la temperatura sia costante e di circa 14°. Un ambiente chiaramente al riparo dalla luce diretta del sole, che danneggerebbe le bottiglie (in particolar modo i bianchi e gli spumanti) e con una umidità ideale del 70%; ambienti troppo umidi infatti favorirebbero lo sviluppo di muffe e funghi, deteriorando inoltre le etichette delle bottiglie, mentre climi troppo secchi porterebbero al restringimento dei tappi in sughero, quindi alla dannosa ossidazione del vino. Vanno assolutamente evitati forti odori estranei che potrebbero permeare nella bottiglia, come formaggi, salumi, vernici o fumi. Le bottiglie infine, come è ben noto, vanno lasciate in posizione orizzontale o inclinate, affinchè il vino bagni sempre il tappo e lo mantenga elastico, senza il rischio che seccando, si restringa. I tempi di affinamento del vino variano da bottiglia a bottiglia e necessitano di basse temperature per maturare lentamente e sviluppare a pieno le proprie qualità organolettiche. Va comunque considerato che non tutte le bottiglie necessitano di riposo: molti bianchi sono venduti già pronti per il consumo, anzi un’attesa eccessiva potrebbe facilmente danneggiarli, privandoli della loro naturale freschezza e aromaticità. I rossi invece, soprattutto se ben robusti e corposi, raggiungono il massimo delle loro qualità dopo qualche anno di maturazione; queste spesso sono proprio le bottiglie più care, che esprimono l’eccellenza solo con il tempo.

A scapito dei consumatori meno esperti, purtroppo sono davvero poche le aziende che forniscono indicazioni circa la data ottimale per il consumo della bottiglia, allora non resta che conservarlo al meglio, aspettando il buon momento per brindare. Per chi non riuscisse a ricrearsi in casa uno spazio con simili caratteristiche, ma non volesse assolutamente rinunciare alla sua cantinetta personale, in commercio oggi troviamo una vasta scelta di cantine-frigo: ne esistono di diverse dimensioni e capacità,  con display lcd e illuminazione interna come optionals, alimentate costantemente dalla corrente elettrica e con scomparti a temperature differenziate, per mantenere i bianchi e le bollicine al freddo e i rossi a temperature superiori.

Gioco di trasparenza

trasparenze4

Nell’architettura d’interni può essere divertente osare uno stile fatto di trasparenze, con mobili e e complementi d’arredo costituiti da materiali traslucidi, come il vetro, il cristallo, ma soprattutto una gran varietà di materie plastiche, che con particolari processi produttivi permettono la massima libertà di forma e di espressione. La casa acquista così un senso di leggerezza e di freschezza frizzante, che sdrammatizza composizioni classiche solitamente più monotone. Per un effetto ghiacciato il mondo dell’arredamento studia infinite proposte di elementi trasparenti per la creazione di ambienti cristallizzati.

Pioniere di questa linea di trasparenze è lo star designer Philippe Starck: sue le celeberrime sedute in policarbonato trasparente e colorato che rileggono in chiave moderna, fantomatica e scanzonata il barocco francese; sono le sedie Louis Ghost, LouLou Ghost, Victoria Ghost e lo sgabello Charles Ghost. Dalla struttura dei divani Pop e Plastics di Piero Lissoni, alla seduta di design LCP firmata Marteen van Severen (entrambi distribuiti da Kartell), il policarbonato trasparente divampa nell’arredamento di interni. Tanti altri i designer di grido che si sono cimentati con materiali trasparenti, come la spagnola Patricia Arquiola con la sua sedia Frilly, il tavolino Table o quello con contenitore Usame e ancora i fratelli francesi Bouroullec con la sedia Papyrus o il divertente tavolino/contenitore Panier.

Anche la friulana Calligaris propone alcuni modelli di sedie e sgabelli in plastica trasparente: i modelli Eau, Ice e Jam in tecnopolimero e ancora Alchemia, Parisienne e Wien in PC. Nell’illuminazione questo materiale trasparente viene scelto da Ferruccio Laviani per la lampada Take, o ancora da Vico Magistretti per la sua Dalu e di nuovo Starck con Miss K T.

… Per gli amanti di questo stile glaciale consigliamo di provare l’esperienza di una notte in un Ice Hotel: un albergo interamente costruito con blocchi di ghiaccio, dai muri, ai pavimenti, compreso tutto il mobilio, per un’operazione che si ripete ogni anni con l’arrivo del freddo. Un esempio di architettura estrema, fatta di ghiaccio e neve, per un’ambientazione decisamente suggestiva. Nata nei paesi nordici questo tipo di offerta ricettiva si può oggi trovare un po’ in tutto il mondo…termometro permettendo!